Pages Menu
RssFacebook

Postato on ott 17, 2014 in salvaguardarsi | 0 commenti

I Campi Elettromagnetici non vanno più sottovalutati – Confermata in Cassazione la sentenza di Brescia

I Campi Elettromagnetici non vanno più sottovalutati – Confermata in Cassazione la sentenza di Brescia

Martedì 16 ottobre 2012 è una data che verrà ricordata a lungo nel settore dell’elettronica e delle telecomunicazioni.

La Cassazione conferma la sentenza della Corte di Appello di Brescia del 22.12.2009 che condannò l’INAIL a corrispondere ad un manager la rendita per malattia professionale prevista per l’invalidità all’80% legata all’uso di cordless e cellulari per motivi professionali.

Il manager aveva agito in giudizio deducendo che, in conseguenza dell’uso lavorativo protratto, per dodici anni e per 5-6 ore al giorno, di telefoni cordless e cellulari all’orecchio sinistro aveva contratto una grave patologia tumorale (il neurinoma del Ganglio di Gasser”),

La sentenza rappresenta un decisivo passo verso il riconoscimento completo dei reali rischi per la salute da esposizione alle onde elettromagnetiche. Le indicazioni fornite dal Consiglio d’Europa e dalla IARC/OMS che indica le radiofrequenze come POSSIBILI CANCEROGENI.

Oltre al riconoscimento della correlazione causa-effetto tra utilizzo del cellulare e/o cordless e patologie invalidanti, la sentenza introduce un altro elemento di assoluta rilevanza: le indagini nei luoghi di lavoro non possono essere eseguite sulla base di valutazioni teoriche e “white list” che escludano a priori alcune fonti, ritenendole ininfluenti.

Questa sentenza, che ha un’eco a livello mondiale (ci sono diverse class action iniziate negli USA che attendevano questa conferma) ed arriva nelle stesse ore in cui il Governo Italiano ha avviato un percorso di de-regulation delle misurazioni della esposizione !    Il decreto è ora nelle mani del nostro Presidente della Repubblica:  speriamo che questa notizia arrivi fino a lui … in tempo utile!

  • Per leggere il testo integrale della sentenza, CLICCA QUI

    (file formato .pdf – dim. 61Kb)

Share This:

Rispondi al Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>