Pages Menu
RssFacebook

Postato on mar 7, 2015 in via di francesco | 0 commenti

ORDINANZA sul ricorso proposto da Wind contro il Comune di Pescara (15 gennaio 2015 – TAR)

ORDINANZA sul ricorso proposto da Wind contro il Comune di Pescara (15 gennaio 2015 – TAR)

00005/2015 REG.PROV.CAU.
N. 00401/2014 REG.RIC.

stemma repubblica italiana

REPUBBLICA ITALIANA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per l’ Abruzzo

sezione staccata di Pescara (Sezione Prima)

ha pronunciato la presente

ORDINANZA

sul ricorso numero di registro generale 401 del 2014, proposto da:

Wind Telecomunicazioni Spa, rappresentata e difesa dall’avv. Giuseppe Sartorio, con domicilio eletto presso Luca Di Rocco in Pescara, Via della Bonifica 48/1;

contro
Comune di Pescara – Sportello Unico per l’Edilizia, rappresentato e difeso dall’avv. Paola Di Marco, con domicilio eletto in Pescara, Ufficio Legale Comune;
per l’annullamento
previa sospensione dell’efficacia,

del provvedimento del 03 ottobre 2014 con il quale il dirigente del Settore Attività Edilizie e Produttive del Comune di Pescara ha dichiarato la decadenza del titolo abilitativo formatosi sul silenzio-assenso e diffidato la società ricorrente dall’eseguire i lavori per la realizzazione di un impianto di telefonia mobile da ubicare su un’area sita in via Di Francesco a Pescara; di ogni altro atto presupposto, connesso e consequenziale.

Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visto l’atto di costituzione in giudizio di Comune di Pescara;
Vista la domanda di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente;
Visto l’art. 55 cod. proc. amm.;
Visti gli atti della causa;
relatore nella camera di consiglio del giorno 15 gennaio 2015 il cons. Dino Nazzaro e uditi per le parti i difensori l’avv. Federico Pace, su delega dell’avv. Giuseppe Sartorio, per la società ricorrente e l’avv. Paola Di Marco per il Comune resistente;

Considerato che la questione è meritevole di approfondimento in sede di merito e che allo stato, in assenza di un impianto realizzato e funzionante, non sussistono particolari motivi di urgenza,

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per l’Abruzzo sezione staccata di Pescara (Sezione Prima)
Respinge l’istanza cautelare.
Compensa le spese della presente fase cautelare.
La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.
Così deciso in Pescara nella camera di consiglio del giorno 15 gennaio 2015 con l’intervento dei magistrati:
Michele Eliantonio, Presidente
Dino Nazzaro, Consigliere, Estensore
Massimiliano Balloriani, Consigliere


L’ESTENSORE IL PRESIDENTE

DEPOSITATA IN SEGRETERIA
Il 15/01/2015
IL SEGRETARIO
(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

Share This:

Rispondi al Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>