Pages Menu
RssFacebook

Postato on mar 8, 2015 in urgente, via di francesco | 0 commenti

riepilogo eventi – i momenti importanti dal 2013 a maggio 2015

 

RIEPILOGO DEI MOMENTI IMPORTANTI RELATIVI ALLA ZONA COLLI DI PESCARA E ALLA QUESTIONE DELLE ANTENNE DI STRADA VALLE FURCI E DI VIA DI FRANCESCO

2013: questione dell’antenna di via valle furci. 26 metri. si costituisce un comitato spontaneo che è in continuo dialogo con l’amministrazione. la popolazione si sensibilizza alla vicenda molto delicata per il paese italiano arretrato rispetto alle condizioni ambientali e di tutela della salute
2 maggio 2013: i canditati sindaco sottoscrivono un documento programmatico loro sottoposto dal Comitato No Antenne di Pescara Colli (Strada Valle Furci)

agosto 2014: mozione del consigliere Piero Giampietro per la revisione del Regolamento comunale per l’insediamento urbanistico dei stazioni radio base per la telefonia. La mozione prelude al progetto di rivedere il Regolamento a settembre, con la costituzione di un tavolo tecnico, nel rispetto delle norme europee, della partecipazione dei cittadini, dell’adeguamento alla nuova tecnologia, delle zone sensibili, della salute delle persone e del paesaggio.

23 settembre 2014:  nasce un nuovo gruppo di cittadini sensibile al problema della installazione di antenne senza criteri che rispettino le norme a favore di salute e ambiente. Un privato fa richiesta di installazione al gestore (in questo caso Wind –> leggi qui) e i vicini da un momento all’altro, si vedono spuntare il cantiere. E’ scontato che non si possa parlare di Legalità, Trasparenza e  Rispetto, così come espresso chiaramente nel succitato documento. Dopo l’allerta del vicino di casa Domenico Miani per l’individuazione di un cartello di inizio lavori datato 22 settembre, tutti i residenti della via e persone sensibili al problema, hanno manifestato una viva partecipazione che ha prodotto l’incontro ufficiale la sera del 25 settembre per prendere coscienza dell’accaduto, per bloccare l’installazione dell’antenna e procedere ad una raccolta di firme.

25 settembre: i cittadini si riuniscono per chiedere spiegazioni al Comune, ma soprattutto il blocco dell’antenna che sorge in una zona sensibile. Solo la prima sera  vengono raccolte 500 firme.

3 ottobre: il Comune Blocca ufficialmente i lavori di installazione della stazione radio-base in via Di Francesco in zona Colli a Pescara da parte della Wind con diffida che dichiara la decadenza del titolo abilitativo formatosi per silenzio-assenso a seguito del decorso dei termini a giugno 2014, ma i lavori erano stati previsti per il 22 di settembre. Leggi il provvedimento del Comune

7 ottobre 2014: incontro dell’amministrazione comunale don i cittadini di via di Francesco e di via valle Furci, inizialmente in merito all’apertura del cantiere per l’antenna di telefonia nella zona dei Colli, ora per ascoltare le istanze della cittadinanza in merito alla revisione del Regolmento alla presenza del Sindaco Marco Alessandrini, il presidente del Consiglio Comunale Antonio Blasioli, l’assessore Paola Marchegiani, i tecnici comunali competenti.. L’amministrazione assicura della costituzione di un ufficio tecnico entro una settimana. si parla e si discute di tutte le problematiche. Fino a febbraio 2015 non si parlerà più dell’ufficio tecnico per problemi insorti nelle procedure individuate dalla direzione tecnica –> leggi gli articoli.

10 novembre 2014: la Telecom presenta nuovamente il ricorso per l’installazione dell’antenna di strada Valle Furci (ma la cittadinanza e i comitati non ne sono a conoscenza)

22 ottobre 2014: intorno a questa data l’amministrazione ha promesso di rincontrare i cittadini per condividere il processo di inizio dei lavori, di costituzione del tavolo tecnico per la riscrizione del regolamento comunale del 2004. L’INCONTRO NON C’è STATO

10 dicembre 2014: la Wind presenta il ricorso contro la diffida del Comune del 3 ottobre 2014 (i cittadini non se sono a conoscenza);

22 dicembre 2014: in questa occasione viene fissato un incontro, su sollecitazione del comitato di strada Valle Furci, in cui l’Amministrazione Comunale chiede la presenza di soli due rappresentanti per comitato. Sono presenti l’Assessore Sandra Santavenere, il dirigente del SUAP Gaetano Silverii, il Responsabile del SUAP Geometra Lanfranco Chiavaroli, i rappresentanti dei comitati e i consiglieri comunali Piero Giampietro e Erika Alessandrini, interessati alla causa. Il comitato di strada Valle Furci chiede notizie sul ricorso che la Telecom presenta il 10 novembre 2014 per l’installazione dell’antenna bloccata dalla vittoria dei cittadini davanti al TAR nell’agosto 2014, e il Comune risponde di non poter nulla a riguardo. Il Comitato di via di Francesco chiede novità sulle intenzioni di Wind, la cui antenna era stata bloccata per decadenza del titolo abilitativo formatosi per silenzio assenso a seguito del decorso dei termini e il Comune, con incertezza, risponde che potrebbe esserci la possibilità che l’antenna non sia posizionata nella via. La Wind, secondo voci mai confermate nè smentite da nessuno, sembra intenzionata a trovare insieme al Comune una zona meno sensibile (vicino a via Di Francesco c’è una scuola e la chiesa) dove poter installare l’antenna (RICORDIAMO CHE PER IL DECRETO GOVERNATIVO GASPARRI, IL Comune è obbligato a garantire spazi e coperture di segnali ai gestori di telefonia e CHE LA MOBILITAZIONE DEI COMITATI SPONTANEI VERTE PROPRIO A REGOLAMENTARE IL PIANO DELLE ANTENNE SECONDO PRINCIPI DI SALVAGUARDIA DI SALUTE, VALUTAZIONI AMBIENTALI STRATEGICHE, INDIVIDUAZIONE DI ZONE SENZA RISCHIO PER LA SALUTE DI PERSONE E AMBIENTE COSì COME PREVISTO DAL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E dalle Norme per la tutela della salute e la salvaguardia dell’ambiente dall’inquinamento elettromagnetico, IN ABRUZZO, Legge Regionale 45 del 2004 e relative modifiche del 2005, all’Art.10). Non ci sono veri contenuti di cui parlare all’incontro poichè, l’unica cosa certa, è la dichiarazione delle modalità con cui il Comune intende procedere per la ricognizione delle antenne sul territorio cittadino al fine di riscrivere un nuovo Regolamento di installazione di stazioni radio base per la telefonia (quello in vigore risale al 2004). Non vengono definiti i tempi di inizio lavori e viene reso noto che l’inizio dei lavori dipende dal mandato che il comune attribuisce all’ARTA per la ricognizione delle antenne e per una valutazione del Piano e quindi per la bozza del nuovo Regolamento. Il Responsabile del SUAP Geometra Lanfranco Chiavaroli dice che i lavori non iniziano prima dei sei mesi a causa dei numerosi impegni dell’ufficio dell’ARTA. Alla domanda del perchè viene affidato l’incarico di ricognizione catastale ai tecnici dell’Arta non segue nessuna risposta. I cittadini chiedono perchè deve essere affidato tale incarico a dei tecnici che svolgono un ruolo di controllo e che dovrebbero subentrare in una seconda fase e perchè non è possibile iniziare un lavoro che dovrebbe essere già assicurato dal Comune così come recitano le Norme per la tutela della salute e la salvaguardia dell’ambiente dall’inquinamento elettromagnetico (Legge Regionale 45 del 2004 e relative modifiche del 2005, all’Art.10) in cui si parla dell’obbligo di «Regione e Comune di gestire rispettivamente un Catasto regionale ed un Catasto comunale, non solo di tutti gli impianti-sorgente ma anche delle zone interessate dalla presenza di detti impianti, assicurando così un controllo effettivo sull’intero territorio rilevando anche i livelli di campo; e inoltre, della conoscenza scientifica della Regione insieme agli enti locali, relativa agli effetti per la salute, in particolare quelli a lungo termine, derivanti dall’esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici». VIENE OMESSA LA NOTIZIA DEL RICORSO DELLA WIND CONTRO LA DIFFIDA DEL COMUNE DEL 3 OTTOBRE 2014 CHE AVEVA PORTATO AL BLOCCO DELL’INSTALLAZIONE DELL’ANTENNA IN VIA DI FRANCESCO.

15 gennaio 2015: è fissata presso il TRIBUNALE DI PESCARA L’UDIENZA del Tar per il ricorso di Wind contro il Comune di Pescara. L’oggetto del ricorso è L’ANNULLAMENTO, PREVIA SOSPENSIONE DEGLI EFFETTI, del provvedimento del Comune  che dichiarando la decadenza del titolo abilitativo formatosi per silenzio assenso, ha diffidato WIND dall’installazione dell’impianto di telefonia mobile in via Di FRANCESCO.

Il TAR di Pescara, nell’udienza tenutasi giovedì 15 gennaio 2015 per ascoltare Wind e Comune, ha deciso infatti di non concedere la sospensiva non essendoci impianti istallati e quindi non ravvisando l’urgenza ma al tempo stesso, sul requisito del “fumus boni iuris”, altro requisito necessario per la richiesta di sospensiva, ha ritenuto di approfondire ulteriormente nella fase di merito.

Leggi Antenne/VIA SAN FRANCESCO PESCARA, SOSPENSIVA TAR IMPIANTO TELEFONIA

Leggi ORDINANZA sul ricorso proposto da Wind contro il Comune di Pescara (15 gennaio 2015 – TAR)

 

2 febbraio 2015: IL COMUNE E I RAPPRESENTANTI DEI COMITATI DI VIA DI FRANCESCO E STRADA VALLE FURCI HANNO INCONTRATO I RAPPRESENTANTI DELLA WIND DISPOSTI A VALUTARE UN’ALTERNATIVA PER L’INSTALLAZIONE DI UN’ANTENNA IN ZONA COLLI, A SOSTITUIRE QUELLA CHE DOVREBBE ESSERE INSTALLATA IN VIA DI FRANCESCO. IL COMUNE DICE CHE AVVISERA’ I COMITATI IN UNA SETTIMANA PER TROVARE UNA NUOVA AREA E L’UFFICIO TECNICO DICE CHE IN UNA SETTIMANA DECIDERA’ A CHI AFFIDARE I LAVORI PER LA REVISIONE DEL PIANO

buoni propositi, ma i cittadini non sono mai informati e il tempo passa – l’assessore Santavenere in tv

19 febbraio 2015: ancora nessuna notizia dal Comune. I cittadini si recano all’ufficio legale del Comune e apprendono dell’appello di Wind contro l’ordinanza del TAR. Il Consiglio di stato rimette la decisione al TAR

Leggi Antenne di telefonia mobile in via Di Francesco: l’appello di Wind contro l’ordinanza del TAR

Leggi ORDINANZA sul ricorso proposto da Wind contro il Comune di Pescara (Consiglio di Stato 05/03/2015)

14 maggio 2015: ci sarà la sentenza di merito sul caso Wind di via di Francesco

21 maggio 2015: la sentenza viene pubblicata Leggi qui [N. 00216/2015 REG.PROV.COLL. – N. 00401/2014 REG.RIC.]. il ricorso del Comune non viene accolto. Ora attendiamo gli eventi.

28 maggio 2015: inizio dei lavori – prime tracce

6 giugno 2015: conclusione dei lavori in poche ore

 

Share This:

Rispondi al Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>