Pages Menu
RssFacebook

Postato on apr 29, 2015 in cellulari, salvaguardarsi | 0 commenti

Cellulari e rischio elettromagnetico: Misure di protezione e prevenzione

Cellulari e rischio elettromagnetico: Misure di protezione e prevenzione

Fonte: www.studiodicosmo.it

Alcuni studi indicano che l’esposizione a lungo termine può essere associata a un’aumentata probabilità di insorgenze di tumore cerebrale e ad altri cambiamenti o patologie; come misura di prevenzione di massima, l’esposizione deve essere evitata il più possibile.

Se questo non è possibile, si dovrebbero rispettare le seguenti azioni di prevenzione che fanno riferimento alla distanza dal dispositivo, alla durata dell’utilizzo e alla schermatura:

1. la distanza dalla sorgente di radiazioni deve essere la più grande possibile, in quanto l’intensità di campo, a seconda del tipo di origine della radiazione e la sua geometria diminuisce con la distanza; dagli studi citati risulta una distanza minimale di 65 mm dalla testa;

2. l’utilizzo dell’auricolare riduce l’esposizione in quanto il valore SAR (tasso di assorbimento specifico) sulla testa è minore di 8-20 volte;

3. la permanenza nella zona esposta ad antenne emittenti deve essere il più breve possibile,
lasciando l’area esposta oppure si deve provvedere a spegnere la fonte di radiazioni;

4. se le misure di cui sopra non sono sufficienti o non fattibili, l’esposizione può essere
ridotta a mezzo di schermatura. La sorgente o la zona di soggiorno devono essere schermate con materiali idonei. Per proteggere le camere o le sorgenti, è importante la scelta
della schermatura per la specifica frequenza dell’emissione radiante. I metalli come
rame e alluminio alle alte frequenze hanno un’elevata attenuazione ma non agiscono
bene nella gamma delle basse frequenze. Si adoperano, allora, sostanze ad alta permeabilità magnetica;

5. è opportuno non indossare sul corpo i dispositivi radiomobili vicino ad organi con più
alta sensibilità ai campi elettromagnetici (cuore), come ad es. usano le forze di polizia,
soprattutto se la persona è in movimento, ad es. in treno o in auto (variazione automatica della potenza di trasmissione nei cellulari). Le persone con pacemaker dovrebbero essere valutate separatamente;

6. è importante scegliere dispositivi che comportino un SAR basso (modelli in commercio
con la più bassa emissione di radiazioni: solo 0,35 W/Kg) e a più bassa potenza al col-
legamento;

7. è opportuno effettuare il collegamento in una situazione di ricezione buona, che comporta una potenza emessa effettiva ridotta;

8. è opportuna la scelta di dispositivi con funzionalità a “mani libere”.

Share This:

Rispondi al Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>