Pages Menu
RssFacebook

Postato on apr 15, 2015 in bibliografia | 0 commenti

Francesca Romana Orlando ci parla de La città bianca, suo ultimo romanzo

Francesca Romana Orlando ci parla de La città bianca, suo ultimo romanzo

Fonte: edizioni-psiconline.it
francesca romana orlandoLa città bianca di Francesca Romana Orlando è da pochi giorni in libreria, ma l’autrice è già impegnata in varie città italiane per presentare il suo romanzo, che suscita l’interesse di molti, dato anche il tema trattato e cioè i rischi legati all’esposizione a radiofrequenze emesse da cellulari, wi-fi, cordless ecc.

Francesca Romana Orlando, giornalista professionista, è esperta di divulgazione scientifica.
Ha conseguito prima il Perfezionamento in Scienze della Comunicazione presso la Sapienza e poi la Specializzazione in Analisi e Gestione della Comunicazione all’Università di Tor Vergata, facendo esperienza presso la redazione di Rai News 24 e del Tg3 Nazionale. Ha vinto nel 2000 il Premio speciale della giuria del Rotery Club Roma Nord-Ovest “C. Casalegno” per la qualità del percorso formativo. Dalla fine degli anni ’90 alla metà degli anni 2000 ha lavorato per diverse riviste del settore delle telecomunicazioni e dell’editoria digitale, tra cui Media 2000, ZdNet, Internet Magazine, Internet World, e-Business e molte altre. Di recente collabora per Sicurezza Sanitaria e scrive articoli per il sito di A.M.I.C.A. (www.infoamica.it), un’associazione che si occupa di inquinamento chimico ed elettromagnetico. Per la stessa associazione, che ha co-fondato nel 2003, organizza annualmente convegni medico-scientifici. Nel 2010 ha pubblicato il saggio “Il Cerchio Perfetto” sul conflitto di interessi nelle politiche ambientali e di salute pubblica

Sicuramente torneremo a parlare de La città bianca, anche in occasione delle prossime presentazioni, abbiamo ritenuto però interessante intervistare Francesca Romana Orlando, durante la sua partecipazione a Più libri più liberi a Roma.

edizioni psicoline Come mai l’idea di scrivere un giallo su un argomento così importante come l’inquinamento elettromagnetico?

Francesca Romana Orlando Negli ultimi anni mi sono interessata sempre di più alla questione dei campi elettromagnetici perché è un tipico esempio in cui si osserva il divario tra conoscenze scientifiche e legislazione. A fronte di maggiori evidenze, infatti, di un rischio legato all’esposizione a radiofrequenza emessa dalle tecnologie senza fili – come wi-fi, cellulari, cordless, ecc. – manca un recepimento da parte delle agenzie di salute pubblica e i governi stentano ad intraprendere misure di tutela della salute più cautelative.

edizioni psicoline Come ha avuto l’idea di mischiare dati reali con dati fantastici?

Francesca Romana Orlando Ho avuto l’idea di utilizzare elementi fantastici per approfondire questioni reali da un maestro della narrativa contemporanea, Michael Crichton, che nei suoi romanzi è riuscito a trattare di argomenti scientifici complessi e del loro impatto sulla società in modo accattivante e comprensibile a tutti.

edizioni psicoline Il libro è molto avvincente ma anche molto corposo, come mai il racconto si svolge in così tante pagine?

Francesca Romana Orlando Mi piaceva far entrare gradualmente il lettore in mondi che sono probabilmente distanti dalla sua vita quotidiana, come quello della ricerca scientifica, delle agenzie di salute pubblica, delle società di consulenza e di pubbliche relazioni, dell’industria delle telecomunicazioni e della criminalità organizzata.
Attraverso un intreccio crescente che corre in parallelo negli Stati Uniti, in India, in Italia e in Inghilterra, ho messo in correlazione questi contesti per mostrare che la ricerca scientifica è fortemente condizionata dagli interessi economici e politici. E’ noto, infatti, che l’industria sia solita finanziare studi ad hoc e servirsi di esperti di pubbliche relazioni per produrre verità di comodo che rassicurano l’opinione pubblica in merito ai prodotti che mette in commercio.
Nel caso dell’industria delle telecomunicazioni, poi, questa forma di condizionamento della ricerca è stata ampiamente dimostrata e analizzata da un punto di vista sociologico. Personalmente ho preferito far conoscere questi problemi attraverso la narrativa, invece che attraverso un trattato di sociologia, anche perché questo condizionamento si presta a interpretazioni fantasiose sulla possibile commistione tra industria e criminalità organizzata.

edizioni psicoline Ci parli delle caratteristiche dei protagonisti.

Francesca Romana Orlando Il libro è corale nel senso che ci sono tanti protagonisti che si trovano di fronte ad una scelta. L’idea del romanzo nasce da un personaggio in particolare, quello della dottoressa Cassandra Conte, biologa dell’Istituto Superiore di Sanità che è chiamata da un Giudice del Tribunale di Secondo Grado di Roma ad esprimersi in merito alla pericolosità delle antenne della telefonica mobile.
Ho immaginato Cassandra Conte all’apice della sua carriera. Figlia di un decano della medicina italiana, la Conte ha raggiunto all’Istituto Superiore di Sanità una delle posizioni più prestigiose a cui un biologo possa ambire nel nostro Paese. Man mano che approfondisce la questione della pericolosità dei campi elettromagnetici emessi dalle antenne, si rende conto di non condividere le posizioni rassicuranti delle agenzie di salute pubblica, come l’OMS e lo stesso istituto per cui lavora, perché secondo molti studi scientifici i campi elettromagnetici possono causare molte patologie anche al di sotto degli attuali limiti di legge.
La protagonista, dunque, si trova ad un bivio: seguire la propria deontologia professionale e dare ragione ai cittadini oppure attestarsi sulle posizioni rassicuranti delle agenzie di salute pubblica e dare ragioni ai gestori della telefonia mobile. A complicare la sua decisione arriva la proposta di un lavoro estremamente remunerativo da una fondazione di ricerca finanziata dall’industria delle telecomunicazioni. Sarà l’incontro con uno scienziato indiano a darle il coraggio di decidere, ma non senza conseguenze impreviste.
copertina-citt-bianca-x-sitoIl personaggio di Raj Kotak, fisico indiano, mi è stato ispirato da una persona reale, il Prof. Girish Kumar, del Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell’Istituto IIT di Bombay in India, il quale ha presentato al proprio governo proprio un rapporto sulla pericolosità delle antenne dei cellulari e ha avuto un’esperienza personale di elettrosensibilità. E’ stato diversi mesi male con un progressivo aumento di sintomi che è riuscito a ricollegare alle esposizioni a radiofrequenza che subiva nel suo ambiente di lavoro. Le antenne presenti nel laboratorio accanto al suo, infatti, lo facevano stare male e solo schermando il proprio studio, è riuscito a far sparire tutti i sintomi di cui soffriva. Mi è sembrato interessante che un fisico abbia vissuto sulla propria persona gli effetti nocivi dei campi elettromagnetici. Anche in Italia ho conosciuto tecnici che soffrivano degli stessi identici problemi i quali, per non avere ripercussioni di carattere lavorativo, hanno preferito tacere piuttosto che esprimere le proprie difficoltà in quanto l’elettrosensibilità ad oggi è una condizione non riconosciuta dalla comunità medica. L’esperienza del Prof. Kumar mi ha incuriosito particolarmente e l’ho voluta ripercorrere nel personaggio di Raj Kotak.
Un altro protagonista del libro è Theodore Cunningham, esperto di pubbliche relazioni che lavora per un’organizzazione occulta di società di telecomunicazioni. Abituato a mentire per confezionare verità rassicuranti per l’opinione pubblica, Cunningham si trova a dover far fronte alla richiesta di eliminare fisicamente alcuni scienziati “scomodi” per l’industria dei cellulari. Anche se è perfettamente consapevole che uccidere con una pistola non è diverso dall’uccidere con la negazione della verità, al momento di commettere azioni illegali, decide di redimersi e di smascherare l’organizzazione clandestina per cui lavora.

edizioni psicoline Perché partire dall’Italia?

Francesca Romana Orlando Il romanzo parte dall’Italia e, in particolare da Roma, perché è la mia città ed è qui che ho immaginato una ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità che proprio nella sera di frivolezze e di buon umore, la sera di Capodanno, deve fare i conti con la propria coscienza.

edizioni psicoline Come è nato in lei l’interesse per le questioni ambientali?

Francesca Romana Orlando Ho cominciato ad interessarmi di ambiente perché ho una storia personale di gravi problemi di salute causati da veleni ambientali. È per questa ragione che undici anni fa ho co-fondato AMICA (www.infoamica.it), un’associazione impegnata per la difesa della salute e dell’ambiente. Attraverso l’attivismo mi sono accorta di quanto complessa sia la nostra società attuale e di quanto le scelte politiche dipendano dal parere di esperti sui quali è difficile compiere un monitoraggio democratico.

edizioni psicoline Quale messaggio vuole dare ai lettori?

Francesca Romana Orlando Il messaggio che vorrei far arrivare ai lettori è quello di imparare a mantenere uno spirito critico e vigile, facendo lo sforzo di informarsi in modo indipendente sul mondo che ci circonda.
Siamo fortemente condizionati, infatti, dal pensiero positivista secondo il quale, attraverso la ragione e gli strumenti del metodo sperimentale galileiano, sia possibile conoscere tutto e controllare tutto. In realtà, la nostra società si scontra oggi con una sfida nuova, quella del conflitto di interessi.
Sempre più la ricerca scientifica è condizionata dai suoi finanziatori e questo fenomeno dovrebbe essere in qualche modo controllato e regolamentato. Quando un ricercatore conclude che un farmaco, una tecnologia o un prodotto non è pericoloso per la salute, dopo aver impostato la propria ricerca su appositi vizi progettuali proprio per non trovare effetti nocivi, commette un vero e proprio crimine, ma al momento questo oggi non è illegale.

Share This:

Rispondi al Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>